Caricamento in corso..

Tag Board :

Seguici su Facebook :

Seguici anche su youtube

Donazioni :

Visualizzazioni :

Sostieni il sito con click :

Storia di ventus

Ventus torna a casa preoccupato per l'umore del suo migliore amico. All'improvviso nella stanza appare un ragazzo con una corazza scura (molto simile a quella che Riku avrà quando verrà posseduto dall'oscurità in Kingdom Hearts) ed una maschera: il suo nome è Vanitas ed è il pupillo di Master Xehanort. Questo ambiguo ragazzo inizia ad insinuare dubbi ed inquietudini nell'animo di Ventus. Gli dice che Terra sta partendo e che quando lo rivedrà non sarà più la stessa persona. Spaventato, Ventus corre nel giardino del castello e vede Terra in procinto di partire per il mondo esterno. Terra rassicura l'amico che nulla cambierà, deve solo portare a termine una missione affidatagli dal maestro, e parte. Ma Ventus, preoccupato, lo segue. 

Ventus viaggia attraverso numerosi mondi ed ogni volta si trova di un passo indietro a Terra. Nel frattempo incontra molti nuovi alleati e alcune delle principesse dal cuore puro che saranno al centro degli eventi di Kingdom Hearts. Come nemici dovrà fronteggiare iNesciens, creature malefiche nate dai sentimenti più oscuri dell'animo umano. Raggiunto il Dominio Incantato, Ventus incontrerà Malefica, antagonista storica della serie. Questa gli dice che il sortilegio lanciato sulla bella Aurora (Alias La Bella addormentata nel bosco) è stato reso possibile proprio da Terra, il quale l'ha aiutata a rubare il cuore della bella principessa. Ventus affronta la strega e recupera il cuore, ma la megera si salva e fugge. Qui incontra anche Aqua, messasi in cammino per cercare i suoi amici e per altri motivi. Rassicura Ventus con decisione: Terra non farebbe mai del male a qualcun altro. 

Durante uno dei suoi viaggi Ventus viene aggredito da Vanitas, il braccio destro di Xehanort. Questi lo trascina in una landa misteriosa e lo affronta. Ven è decisamente meno forte del suo avversario e viene salvato all'ultimo dall'intervento di Topolino. Insieme riescono a sconfiggere il misterioso scagnozzo che però scappa in un portale di oscurità. Anche Topolino riparte subito dopo lo scontro e Ventus, disorientato, lo segue. 

Il viaggio lo porta a Radiant Garden, un luogo ricco e lussureggiante sormontato da un enorme castello. Ventus non riesce a trovare Topolino ed inizia ad esplorare la città. Al suo interno incontra molti uomini vestiti da scienziati e molte guardie del castello, tutti facenti parte di un qualche misterioso progetto di ricerca (sono tutte le persone i cui Nessuno costituiranno poi l'Organizzazione XIII). All'improvviso la città viene attaccata da un gigantesco Nesciens. Ventus cerca di sconfiggerlo e nel farlo rincontra i suoi amici: Terra e Aqua. I tre sconfiggono l'avversario e finalmente hanno l'occasione di parlare. Ventus è felicissimo di rivedere Terra e gli riporta le assurde voci che ha sentito sul suo conto. Terra sembra turbato da quello che il giovane amico gli dice, ma non smentisce né conferma. Dal canto suo Aqua è stata inviata alla loro ricerca da Master Eraqus, il quale non vuole che Terra si perda nell'oscurità e che Ventus ritorni a casa immediatamente. Offeso dai sospetti del maestro e da ciò che ha fatto l'amica, Terra riparte nonostante le suppliche di Ventus. Rattristato dall'accaduto, Ven rimprovera Aqua per i suoi sospetti e per aver accettato una missione subdola come spiare il suo migliore amico e decide di non ripartire con lei. Privo di certezze, Ven decide di continuare i suoi viaggi, ma prima di decollare fa un incontro particolare. Incontra Lea (il futuro Axel) in compagnia del suo amico Isa (il futuro Saix). Ven e Lea si stanno subito simpatici ed è come se sentissero un legame speciale fra di loro. 

Ven riprende i suoi viaggi attraverso i mondi (visita Il Monte Olimpo, il Città Disney sottostante il Castello Disney e lo Spazio profondo). Seguendo Topolino, Ventus raggiunge L'isola che non c'è, dove aiuta Peter Pan a sventare l'attacco di Capitan Uncino. A missione compiuta due bambini del gruppo di Peter trafugano dal galeone di Uncino un forziere vuoto, proponendo di riempirlo con i propri tesori più preziosi. Ven ci mette dentro un Keyblade di legno, quello con cui Terra soleva allenarsi e che poi ha regalato all'amico in segno d'affetto. Ven trova sull'isola uno strano manufatto lasciato da Topolino. Appena lo tocca, una grande luce si sprigiona e lui viene trasportato su un altro mondo. 

All'improvviso si ritrova alla Torre Misteriosa, la dimora del potente stregone Yen Sid. Qui ventus incontra Paperino, grande stregone di corte, e Pippo, capo delle guardie di palazzo. Grazie al frammento di stella che Ventus ha trovato, Yen Sid è ora in grado di localizzare Topolino. Appena aperta la connessione magica ciò che Ventus vede lo spaventa. Topolino si trova nel luogo misterioso dove li ha portati Vanitas: è a terra, ferito. Ventus deve andare ad aiutarlo. 

Raggiunta la landa desolata, Ven soccorre Topolino, ma ad aspettarlo lì c'è Master Xehanort. Gettando nello sgomento Ventus, Xehanort inizia a rivelare i suoi piani, ma soprattutto inizia a rivelare segreti sulla vera identità di Ventus. Il giovane ragazzo possiede a quanto pare un potere incredibile, un potere che, se canalizzato a dovere, è in grado di generare un'arma potentissima, l'unico Keyblade in grado di dominare su ogni potere ed aprire il Kingdom Hearts, il misterioso χ-Blade. Già da tempo se ne era accorto, per questo anni addietro Xehanort prese Ventus come suo allievo. Cercò di allenarlo per aumentare i suoi poteri e spingerlo a sprigionare l'oscurità necessaria a forgiare l'arma (che ha un perfetto equilibrio tra potere della luce e potere dell'oscurità), ma il cuore del ragazzo era ancora contaminato dalla luce. Per questo Xehanort utilizzò i suoi poteri e divise il cuore di Ven in due entità, una fatta di pura luce (il Ventus che conosciamo) e l'altra di pura oscurità che si andò a materializzare in Vanitas. Solo se i due dovessero affrontarsi in un combattimento alla pari riuscirebbero a fondere i propri poteri e a generare il χ-Blade. Per sventare questo pericolo Master Eraqus prese sotto la sua ala protettiva Ven e gli impedì sempre di abbandonare il loro mondo per paura che potesse ricongiungersi con la sua metà oscura. Nel frattempo Xehanort allenò Vanitas per fargli raggiungere il massimo del suo potenziale. Ora doveva solo fare lo stesso con Ventus ed è per questo che lui ed il suo allievo lo hanno spinto a viaggiare per i mondi ed i loro pericoli alla ricerca del suo amico Terra: per addestrarlo ed accrescerne i poteri. Ma ora è pronto e deve affrontare il suo destino. Ventus è incredulo nonostante dei ricordi comincino a riaffiorare nella sua mente. Xehanort per convincerlo lo rispedisce alla Terra di Partenza per farsi raccontare la verità dal suo amato maestro.

Quando Ven parla con Eraqus, questi non può che confermare la versione di Xehanort. L'oscuro maestro ha da sempre cercato di capire in che modo l'oscurità e la luce possano raggiungere un perfetto equilibrio, ma nel farlo ha intrapreso strade oscure ed ha scoperto l'esistenza del χ-Blade e del potere che lo può generare. Per questo ha sempre tenuto Ventus quasi segregato in quel mondo ed ha mandato Aqua a cercarlo col compito di riportarlo a casa, ma ora che sa è troppo tardi; c'è solo una cosa che Eraqus può fare: uccidere Ventus. Prima che possa farlo sopraggiunge Terra che, pur di difendere l'amico, uccide l'amato maestro. è ora di porre fine a tutto questo ed il luogo dell'ultimo scontro sarà il Cimitero dei Keyblade. 

Il Cimitero dei Keyblade è una terra distrutta e squassata da un'antichissima guerra conosciuta come La Guerra dei Keyblade. Secoli prima i guerrieri possessori sia di Keyblade della luce che di Keyblade oscuri si scontrarono in una sanguinosa battaglia. Alcuni sostengono che fosse per decretare la supremazia dell'uno o dell'altro gruppo, altri che stessero tentando di unire tutto quel potere per forgiare il χ-Blade. Ad ogni modo il risultato fu un massacro. Tutto ciò che rimane a testimonianza di quell'evento è una sterminata vallata nel cui terreno sono conficcati migliaia di Keyblade. 

I tre amici si incontrano qui. Terra conferma i sospetti di Aqua e Ventus. Durante la sua assenza è stato soggiogato al volere di Xehanort e si è perso nell'oscurità, ma la vergogna che prova è tale che ora vuole riscattarsi sconfiggendo il malvagio maestro. Ventus è distrutto dalle rivelazioni che gli sono state fatte e vuole solo non costituire un pericolo per nessuno, anche se questo dovesse significare la morte. Xehanort e Vanitas arrivano sul campo di battaglia e lo scontro comincia. La battaglia è violenta e senza esclusione di colpi. Xehanort utilizza i suoi poteri per rivelare nel cielo la porta del Kingdom Hearts. Il terreno viene squassato dai colpi dei combattenti. Ventus viene gravemente ferito da Xehanort e cade a terra. Aqua lo raggiunge per aiutarlo, mentre Terra si scaglia contro il nemico. Aqua cerca di far riprendere il suo amico, ma viene attaccato da un sicario di Xehanort, Braig (il futuro Xigbar). Lei lo sconfigge, ma era solo un diversivo: Vanitas colpisce quasi mortalmente la ragazza, che cade a terra tramortita. Ventus si rialza e affronta il suo avversario, non importa quello che accadrà. Vanitas rivela il suo volto ed è identico a Sora solo che con i capelli corvini e gli occhi gialli. Vanitas si rivela essere il creatore dei Nesciens in quanto è la sintesi dei sentimenti negativi di Ven. I Nesciens servivano per creare avversari abbastanza agguerriti da spingere il ragazzo a migliorare le proprie abilità. Ma ora è pronto e Vanitas si fonde con lui. 

Ventus si ritrova all'interno del suo stesso cuore condiviso con Vanitas. I due sono uno di fronte all'altro. Si sono uniti nel corpo, ora devono unirsi nello spirito per completare l'arma. Vanitas impugna una versione incompleta del χ-Blade. Ventus affronta il suo nemico anche se sa che sconfiggerlo vuol dire morire. Ventus, grazie al potere acquisito, sconfigge la sua metà oscura purgando il suo stesso cuore dall'oscurità, ma si condanna e si dissolve anche lui nel nulla. 

Ventus si trova in una specie di limbo accanto ad Aqua. Sono mano nella mano. Topolino li raggiunge e mette nelle loro mani il frammento di stella con cui viaggiava da un mondo all'altro. I due vengono avvolti da una luce e spariscono. Ventus si trova in un luogo pieno di luce e dice: "è così caldo. Ora ricordo. È il tuo cuore."